Home > Informazioni > Il miglior lavoro estivo

Il miglior lavoro estivo

Ciao, sono Christoph Egarter, studente d’ingegneria logistica e della produzione e inoltre un giovane contadino di Sesto. Noi tirolesi spesso veniamo descritti come persone che parlano poco, ma fanno. Ci chiamano lavoratori versatili, una descrizione che probabilmente da retta anche al lavoro che ho seguito questa estate. In quest’articolo, infatti, vi racconto come ho tagliato degli alberi nel mio bosco sia per vendere di legno che per procurarlo per la propria costruzione.

I larici tagliati e sramati

Le attività agricole a casa mia venivano seguite ormai da tanto tempo come secondo lavora. In questo modo abbiamo sempre accesso alle risorse naturali senza però dare la gestione dei nostri campi e boschi in altre mani. Facendo così, è anche ragionevole che i macchinari e attrezzi di lavoro per motivi economici non possono essere i più nuovi e moderni. Nonostante questo, con tanta buona volontà sono riuscito a raggiungere gli obiettivi.

Questa legna di larice è dedicata alla propria costruzione

In anteprima dell’attività di tagliare alberi è necessario fare la richiesta attraverso l’ufficio forestale. Esso cerca di far combaciare le estensioni di taglio desiderato dal proprietario del bosco con l’effettiva crescita per garantire uno sviluppo forestale presistente. In dettaglio, mi è stato concesso un volume di 350 m³ di legno. Il passo successivo era la segnatura delle piante stesse effettuata dei guardaboschi. Per motivo delle grandi nevicate invernali, la neve teneva dura fino nella tarda primavera affinché ci fosse voluto ancora un po’ di pazienza. Nel frattempo mi sono informato sui prezzi attuali del legno e ho contattato delle possibili acquirenti. Questi venivano a vedere il legno per convincersi dell’altissima qualità.

Ora poteva cominciare l’avventura. Il mestiere del boscaiolo è considerato come il più pericoloso di tutti. E, infatti, e meglio affrontarlo con una certa preparazione. Il tagliare di un albero non è chissà quanto complicato, ma è meglio averlo imparato da giovane. Ci vuole inoltre un po’ di tempo per abituarsi all’attività fisicamente impegnativa. Con la motosega tagliavo prima l’incavatura sulla parte nella quale volevo far cadere la pianta per poi fare il vero taglio sulla parte opposta. Battendo lì dei cunei ottenevo l’ inclinazione necessaria del albero finche cadeva. Osservare il volo a terra di un albero accompagnato con rumori di spaccate e la botta tremante quando urtava sulla terra, era il momento più soddisfacente di tutto il processo. Ma ora toccava a sramarlo. Fatto questo, la fine è ancora lontana, anzi, la maggior attenzione valeva al trasporto e lo stoccaggio dei tronchi. Nei limiti del possibile volevo svolgere anche questi passi in fretta per rispettare i tempi di consegna richieste dal mio acquirente. Come futuro ingegnere della logistica ho affrontato con piacere questa sfida. Per quanto permesso dal terreno, ho portato i oltre 300 alberi interi ma sramati a delle aree raggiungibili per camion. Il mio piccolo trattore, pur non in grado di strozzare più di un albero di media dimensione, aveva dei vantaggi d’agilità per raggiungere gli stessi senza far uso di un verricello. Al posto di questo, potevo tenere montati le forche elevatori al posteriore del mezzo. Raggiunto il posto di stoccaggio, ho sezionato l’albero in tronchi di quattro metri di lunghezza per poi impilarli al volo. I tronchi fini della punta dell’albero non erano servibili per la segheria e quindi li ho messi a parte per occuparmene a un secondo momento. Con questi scarti ho prodotto del cippato per riscaldare un anno la casa mia e me ne avanzava per fornire il teleriscaldamento di Sesto. I rami invece sono rimasti dietro nel bosco dove marcivano e formavano di terra fertile. In totale occupavo quattro posti diversi di stoccaggio lungo la strada della val fiscalina, tra i quali due non erano sul mio terreno. Con il loro accordo, i proprietari mi hanno agevolato la mia attività. Quando ho accumulato ad occhio un carico di un camion, ho fatto contattare la spedizione che presto venivano a caricare. Fortunatamente posso dire che non dovevo approvvigionare il totale di dieci carichi camion di legno e ringrazio a questo punto ai miei aiutanti.

Il camion a rimorchio che carica ca 30 t di legno e lo porta in segheria

Questa attività estiva non solo mi ha consentito un ricavo favorevole, ma mi ha dato un esperienza di vita impagabile su questo campo per poter oramai sfruttare questo tipo di risorsa naturale quando necessario.

Riassumendo posso avvertire alle seguenti conoscenze scientifiche di produzione snella “lean”, che danno anche dei vantaggi se applicati nel fare legno:

  • One peace flow: Per evitare danni attraverso gli scoltidi e per non richiedere troppi spazi lungo la catena d’approvvigionamento è utile seguire un albero dal taglio allo stoccaggio in modo non interrotto.
  • Pull system: Quando abbiamo operato in due, era necessario che il processo di trasporto e stoccaggio non durava più di quello di taglio e sramatua per evitare una successione spinta “push”.
  • Miglioramenti continui secondo “Kaizen”: Siccome all’inizio non avevo abbastanza esperienza, era necessario di cercare a delle ottimizzazioni e provando diversi scenari.

I trattori ordinati per fare cippato

La giacenza di cipato

  1. 15 ottobre 2012 a 12:47 | #1

    Christoph,grazie di aver condiviso queste tue esperienze…
    Io vivo a Roma e sinceramente guardando le tue foto, avrei voluto essere li’ a darti una mano in quella terra meravigliosa ….
    Prima o poi mi trasferiro’ da quelle parti …
    Ti auguro una buona giornata ciao alla prossima Riccardo Barnia

  1. Nessun trackback ancora...
female pink viagra 100mgindian medication pharmacymeds without a percriptiondoes isotrex stop oil productiontablets for increasing sex powergabapentin 600 mg no scriptbactrim ordering information without rxtrazo done days to get out of systemnon prescription phentermine 37 5mgretino ac gel side effectsbuy cialis online weight loss drugtablet discount rx medsplavixorder online methylprednisolone 4mgherbal medicine for depressionviagra 30 day free trialhow to get sratterabuy metronidazole bv